Blog: http://parteattiva.ilcannocchiale.it

COME TI PLASMO L'ELETTORATO: REALTA' ARTIFICIALI E TECNICHE DI MANIPOLAZIONE

E’ desolante constatare che in Italia l’informazione sia  l’instrumentum regni della politica e non un servizio per i cittadini; lo è ancor di più non vedere alcuna via d’uscita a questo fascismo mediatico. L’emergenza immigrazione è stata costruita a tavolino e subliminalmente inculcata agli italiani mediante un continuo bombardamento mediatico. In questi ultimi mesi i mass-media hanno dedicato aperture di telegiornali, titoloni da prima pagina, approfondimenti e salotti al tema della sicurezza, senza mai citare però il più grande problema di sicurezza che c’è in Italia: le mafie. Si ricollega la questione della sicurezza esclusivamente all’immigrazione,ma si è mai sentito discutere del problema sicurezza contestualmente a quello del malfunzionamento della giustizia?   Si usa l’informazione per generare nel cittadino false percezioni,  grazie alle quali sarà lo stesso cittadino a reclamare a gran voce provvedimenti per la sicurezza. La politica prima crea mediaticamente l’emergenza, poi si erge a portavoce delle istanze dei cittadini. Signori, questa è la dittatura delle masse pilotate, è la negazione della politica. Un politico quando deve compiere delle scelte non può lasciarsi influenzare del volere della massa, ma deve essere lungimirante. Questo è quanto ci insegna Tocqueville ne “La democrazia in America”. Diversa è però la situazione italiana, dove è la stessa politica ad influenzare massicciamente l’opinione pubblica tramite l’informazione “unica”. L’esempio che riportiamo è particolarmente efficace in quanto illustra quanto sia agevole canalizzare le paure e i più bassi istinti delle masse mediante  la creazione ad hoc di un “nemico” comune.   Guardiamo da vicino la genesi di quest’ennesima emergenza “sicurezza”: nel 2006 la Romania è entrata nell’Unione Europea, ed essendo venuti meno i limiti alla circolazione in Europa, si è posto il problema, in ambito europeo, di come affrontare la migrazione massiccia dei romeni e maggiormente dei rom. Germania, Gran Bretagna e in parte anche la Francia hanno previsto un piano di contenimento degli ingressi, limitando di fatto la migrazione dei romeni ( e rom) nei propri territori. L’Italia invece non ha posto nessun limite, ma è bene precisare che nel momento in cui la Romania è entrata a far parte dell’Unione Europea, il governo italiano era guidato da Berlusconi. Non porre limiti all’immigrazione romena era un atto dovuto, l’Italia, con le sue 20-30000 imprese delocalizzate sul territorio romeno, è il primo partner commerciale della Romania. All’imprenditore italiano non conviene investire nel sud Italia, perché qui da noi pur beneficiando degli sgravi fiscali previsti per (ri)lanciare la produzione nel mezzogiorno d’Italia, si troverebbe costretto a pagare una tassa, o meglio un’addizionale locale, che non è possibile evadere: il pizzo. Notate in che modo lo stato esercita il suo potere di imperio: al nord si parla di commissari straordinari per l’emergenza rom, al sud la camorra si fa Stato: risolve il problema dei rom bruciandogli i campi. I rom sono l’agnello sacrificale legittimante il potere della camorra.

- Faccio una piccola parentesi sul rapporto che intercorre tra i rom e la camorra. I roghi dei rifiuti tossici nella provincia napoletana e casertana sono commissionati dalla camorra ai rom. -

L’Italia (precisamente alcune zone d’Italia come Campania, Sicilia e Calabria) è il paese in Europa con la più alta concentrazione di organizzazioni criminali, ma la politica non dice una parola (ormai i fatti non esistono più) su mafia, camorra, ndrangheta, sacra corona unita, stidda, banda della magliana, e chi più ne ha più ne metta. L’informazione di regime, con i culi e con le tette delle veline narcotizza la coscienza civile dei cittadini, e con i giornalisti-zerbini cancella e riscrive la storia, inverte le azioni prioritarie che la politica deve compiere per il bene del paese; in poche parole, questa informazione sta lobotomizzando gli italiani.

Come sono attuali 1984 di George Orwell e di Fahrenheit 451 di Ray Bradbury!!! Si salvi chi può…e chi vuole!!!

P.S.

Il 21 maggio si terrà a Napoli il primo consiglio dei ministri del governo(?) Berlusconi. Si parlerà  anche di rifiuti. Non mi stupirei se Berlusconi proponesse la realizzazione di 10 termovalorizzatori-termodistruttori-inceneritori.

Pubblicato il 17/5/2008 alle 17.7 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web