.
Annunci online

 
parteattiva 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Technorati
Officina Democratica
RinascitaNazionale
StefanoScargetta
SocietàCivile
Pagerank
Antimafiaduemila
OsservatorioCampania
Il Senso del Vero
Arcoiris Tv
Porta di Massa - Lab.autogestito
Doppia Ricerca
la CORRENTE.
Il Diogene
Fisicamente
Raccolta Marco Travaglio
Beppe Grillo
Narcomafie
Parco Naz. Cilento
NuovaPolitica
Loumogghe
La scomparsa dei fatti
Gira la rete
Cerca Blog
WebTematico
Abc LInk
www.codicesorgente.it
Archivio900
Bloggers
RssPress
  cerca

 

 

Creative Commons License
Parteattiva by Antonio Bruno is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato

senza alcuna periodicità. Non può pertanto
considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della
legge n. 62 del 07.03.2001
L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile
per i commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine
o dell'onorabilità di persone terze
non sono da attribuirsi all'Autore."

AUTORE

  • ANTONIO BRUNO

DAI UN'OCCHIATA A...:


PARTEATTIVA SUMYSPACE
Antonio Bruno

Crea il tuo badge



" GLI UOMINI PASSANO, LE IDEE RESTANO. RESTANO LE LORO TENSIONI MORALI E CONTINUERANNO A CAMMINARE SULLE GAMBE DI ALTRI UOMINI"

"Basta ai giovani contestatori staccarsi dalla cultura, ed eccoli optare per l’azione e l’utilitarismo, rassegnarsi alla situazione in cui il sistema si ingegna ad integrarli. Questa è la radice del problema: usano contro il neocapitalismo armi che in realtà portano il suo marchio di fabbrica, e sono quindi destinate soltanto a rafforzare il suo dominio. Essi credono di spezzare il cerchio, e invece non fanno altro che rinsaldarlo."-
Pier Paolo Pasolini

Libri Consigliati
Il Crepuscolo degli idoli  di F. Nietzsche
L'unico e la sua proprietà di M. Stirner
Cose di Cosa nostra di Giovanni Falcone e M. Padovani
Poteri forti di Ferruccio Pinotti
La Israel lobby e la politica estera americana di J.J. Mearsheimer e Stephen M. Walt
L'Anticristo di F. Nietzsche
Fratelli d'Italia di Ferruccio Pinotti
Roghi Fatui di Adriano Petta
Le vie infinite dei rifiuti di Alessandro Iacuelli
1984 di George Orwell
Una teoria della Giustizia di John Rawls

"Combattere e vincere 100 battaglie non è prova di suprema eccellenza, la suprema bravura consiste nel piegare la resistenza del nemico senza combattere" -Sun Tsu-



www.kilombo.org
segnala il tuo blog su blogmap.itSfondi Desktop Gratis Vista  Windows Vista Foto Natura
Blog-Show la vetrina italiana dei blog!Antipixel di SocialDust Blog Aggregator
Blog Aggregator 3.3 - The FilterGooglerank, pagerank di Google
Ci trovate nella Directory RSS Italiana
voli low cost  viaggi economici
Ottimizzato con TuttoWebMaster

 
"In Sicilia, per quanto uno sia intelligente e lavoratore, non è detto che faccia carriera, non è detto neppure che ce la faccia a vivere. La Sicilia ha fatto del clientelismo una regola di vita. Difficile in questo quadro, far emergere pure e semplici capacità professionali. Quel che conta è l'amico o la conoscenza per ottenere una spintarella. E' la mafia, che esprime sempre l'esasperazione dei valori siciliani, finisce per fare apparire come un favore quello che è il diritto di ogni cittadino".
-Tratto da Cose di Cosa nostra di Giovanni Falcone e Marcelle Padovani-

"Non vi è dubbio che la televisione sia autoritaria e repressiva come mai nessun mezzo di informazione al mondo. Il giornale fascista e le scritte su cascinali di slogans mussoliniani fanno ridere. Il fascismo, voglio ripeterlo,non è stato sostanzialmente in grado nemmeno di scalfire l'anima del popolo italiano: il nuovo fascismo, attraverso i nuovi mezzi di comunicazione e d'informazione, non solo l'ha scalfita, ma l'ha lacerata, violata, bruttata per sempre".- Pier Paolo Pasolini

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

Visualizzazione ingrandita della mappa


 

Diario | SpazioCilento | Cultura | SpazioLibero | Spazio auto-gestito di informazione politica |
 
Diario
1visite.

22 ottobre 2009

Consiglio Comunale di Vallo della Lucania

Seduta del Consiglio Comunale di Vallo della Lucania del 19-10-2009. La ripresa audiovisiva è un'iniziativa del Partito Democratico di Vallo della Lucania.



Antonio Bruno: Responsabile Comunicazione PD Vallo della Lucania

15 ottobre 2009

Idee Giovani per Bersani - Il mio intervento

Assemblea pubblica della rete Idee Giovani per Bersani con ENZO AMENDOLA (candidato segreteria regionale PD Campania per la mozione Bersani) e l'On. LIVIA TURCO.

Il mio intervento:

15 ottobre 2009

La Sinistra in crisi d'identità, la destra avanza.

E’ un pò di tempo ormai che un’associazione che si richiama all’”estremocentroalto” e con un preciso obiettivo di radicamento sociale e territoriale riempie le pagine dei giornali e risveglia nei giovani della sinistra un sentimento di indefinito antifascismo. Sto parlando di Casapound, ultimo movimento, ma non per importanza, che si sta sviluppando nella galassia della destra italiana. Guai a chiamarli fascisti senza specificare la loro collocazione temporale: il terzo millennio! Fin qui, nulla di nuovo nel panorama italiano delle categorie politiche: rossi, neri, comunisti, fascisti. Categorie di cui potremmo farne tranquillamente a meno.
Desta invece irritazione (nei nostri ambienti di centrosinistra) la volontà di Casapound di “appropriarsi” di certi ambiti politici considerati fino ad oggi di esclusivo appannaggio della sinistra, per tradizione, per cultura, o chissà, magari per diritto ereditario.
Il sociale, un ambito politico in cui c’è stata e c’è un’egemonia da parte delle forze di centrosinistra, è diventato in questo periodo il campo di battaglia dei movimenti di destra.
A Roma mentre Veltroni organizzava il Festival del Cinema, la destra faceva proselitismo nei quartieri popolari. Alemanno Sindaco.
Nelle Università mentre i giovani di “sinistra” si avvitavano in inutili discussioni sul ’68 o sul G8, piuttosto che occuparsi dei problemi che vivono gli universitari, Azione Giovani conquistava lentamente la maggioranza in numerosi consigli di facoltà.
Al nord mentre i sindacati si preoccupavano di scalini e scaloni pensionistici, la Lega attirava il consenso degli operai.
Oggi a Napoli assistiamo quasi stupiti all’occupazione da parte di giovani attivisti di Casapound di uno stabile di proprietà del Comune. Da “Sinistra” proteste, cortei, pubblicità gratuita a Casapound, manifestazioni e inni all’antifascismo militante. Non una parola sul perché quello stabile si trovi in quelle condizioni. Non una parola sul perché da anni la sinistra non fa più la sinistra. Non una parola sulla qualità della vita a Napoli, in Campania.
La cultura del nemico, dell’antagonismo per categorie, contestata (giustamente) a Berlusconi, sta prendendo quota tra i giovani di sinistra, legittimando implicitamente movimenti come Casapound.
Al di là dei gravi e nostalgici richiami al fascismo che viziano qualsiasi forma di confronto politico con Casapound – perdonatemi ma sono un volteriano alla Pertini – sarebbe opportuno entrare nel merito delle proposte che vengono da quest’associazione. Il mutuo sociale, il part-time retribuito per intero alle giovani madri, gli alloggi sociali. Proposte che, da militante del centrosinistra, valuterei senza alcun pregiudizio. Sull’omofobia, il razzismo, che seppur non esplicitamente promossi dall’associazione, si respirano nell’aria “nera”, nessuno sconto da parte nostra.
In virtù di queste considerazioni ritengo il percorso del centrosinistra segnato: o riscopre le proprie radici, tornando a fare il sindacato del territorio, non con sterili proteste bensì con la politica, o è condannato a perdere nei luoghi che gli appartengo per cultura e tradizione. Non si può campare di rendita. E quando Bersani sostiene che il dato preoccupante è il consenso di Berlusconi tra il popolo, altro non dice, a mio parere, che bisogna tornare tra la gente, seriamente. Riscoprire il sociale è l’unico modo per recuperare quella credibilità persa in questi anni. In poche parole, TORNIAMO A FARE POLITICA.

30-09-2009

sfoglia
giugno        marzo