.
Annunci online

 
parteattiva 
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Technorati
Officina Democratica
RinascitaNazionale
StefanoScargetta
SocietàCivile
Pagerank
Antimafiaduemila
OsservatorioCampania
Il Senso del Vero
Arcoiris Tv
Porta di Massa - Lab.autogestito
Doppia Ricerca
la CORRENTE.
Il Diogene
Fisicamente
Raccolta Marco Travaglio
Beppe Grillo
Narcomafie
Parco Naz. Cilento
NuovaPolitica
Loumogghe
La scomparsa dei fatti
Gira la rete
Cerca Blog
WebTematico
Abc LInk
www.codicesorgente.it
Archivio900
Bloggers
RssPress
  cerca

 

 

Creative Commons License
Parteattiva by Antonio Bruno is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato

senza alcuna periodicità. Non può pertanto
considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della
legge n. 62 del 07.03.2001
L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile
per i commenti inseriti nei post.
Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine
o dell'onorabilità di persone terze
non sono da attribuirsi all'Autore."

AUTORE

  • ANTONIO BRUNO

DAI UN'OCCHIATA A...:


PARTEATTIVA SUMYSPACE
Antonio Bruno

Crea il tuo badge



" GLI UOMINI PASSANO, LE IDEE RESTANO. RESTANO LE LORO TENSIONI MORALI E CONTINUERANNO A CAMMINARE SULLE GAMBE DI ALTRI UOMINI"

"Basta ai giovani contestatori staccarsi dalla cultura, ed eccoli optare per l’azione e l’utilitarismo, rassegnarsi alla situazione in cui il sistema si ingegna ad integrarli. Questa è la radice del problema: usano contro il neocapitalismo armi che in realtà portano il suo marchio di fabbrica, e sono quindi destinate soltanto a rafforzare il suo dominio. Essi credono di spezzare il cerchio, e invece non fanno altro che rinsaldarlo."-
Pier Paolo Pasolini

Libri Consigliati
Il Crepuscolo degli idoli  di F. Nietzsche
L'unico e la sua proprietà di M. Stirner
Cose di Cosa nostra di Giovanni Falcone e M. Padovani
Poteri forti di Ferruccio Pinotti
La Israel lobby e la politica estera americana di J.J. Mearsheimer e Stephen M. Walt
L'Anticristo di F. Nietzsche
Fratelli d'Italia di Ferruccio Pinotti
Roghi Fatui di Adriano Petta
Le vie infinite dei rifiuti di Alessandro Iacuelli
1984 di George Orwell
Una teoria della Giustizia di John Rawls

"Combattere e vincere 100 battaglie non è prova di suprema eccellenza, la suprema bravura consiste nel piegare la resistenza del nemico senza combattere" -Sun Tsu-



www.kilombo.org
segnala il tuo blog su blogmap.itSfondi Desktop Gratis Vista  Windows Vista Foto Natura
Blog-Show la vetrina italiana dei blog!Antipixel di SocialDust Blog Aggregator
Blog Aggregator 3.3 - The FilterGooglerank, pagerank di Google
Ci trovate nella Directory RSS Italiana
voli low cost  viaggi economici
Ottimizzato con TuttoWebMaster

 
"In Sicilia, per quanto uno sia intelligente e lavoratore, non è detto che faccia carriera, non è detto neppure che ce la faccia a vivere. La Sicilia ha fatto del clientelismo una regola di vita. Difficile in questo quadro, far emergere pure e semplici capacità professionali. Quel che conta è l'amico o la conoscenza per ottenere una spintarella. E' la mafia, che esprime sempre l'esasperazione dei valori siciliani, finisce per fare apparire come un favore quello che è il diritto di ogni cittadino".
-Tratto da Cose di Cosa nostra di Giovanni Falcone e Marcelle Padovani-

"Non vi è dubbio che la televisione sia autoritaria e repressiva come mai nessun mezzo di informazione al mondo. Il giornale fascista e le scritte su cascinali di slogans mussoliniani fanno ridere. Il fascismo, voglio ripeterlo,non è stato sostanzialmente in grado nemmeno di scalfire l'anima del popolo italiano: il nuovo fascismo, attraverso i nuovi mezzi di comunicazione e d'informazione, non solo l'ha scalfita, ma l'ha lacerata, violata, bruttata per sempre".- Pier Paolo Pasolini

PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

Visualizzazione ingrandita della mappa


 

Diario | SpazioCilento | Cultura | SpazioLibero | Spazio auto-gestito di informazione politica |
 
Diario
1visite.

21 maggio 2007

L'ITALIA GERONTOCRATICA

di Emilio Prinzo


Si è spesso discusso, negli ultimi tempi, dell’invecchiamento della nostra classe politica, confrontando i dati anagrafici dei nostri politici con quelli delle altre democrazie occidentali, e non sempre analizzando a fondo le radici di tale problema. Non che rappresenti di per sé un problema la copertura di determinati incarichi da parte di soggetti in età avanzata. Lo diviene nel momento in cui viene ad essere una condizione sistematica e generalizzata per l’accesso a posizioni di potere, privando il Paese dell’apporto prezioso di una larga fascia della popolazione (allo stesso modo di come avviene per l’indice di partecipazione femminile alla politica) e facendo sì che la giovane età diventi una condizione di minorità rispetto all’esercizio dell’attività politica. A giudizio di chi scrive le cause dell’anzianità della nostra classe politica, lungi dall’essere esclusivamente riconducibili a fattori demografici, possono meglio comprendersi proprio analizzandone i connotati sistemici. In altre parole, la gerontocrazia fa il paio con l’assenza di meritocrazia e con la logica clientelare che presiede alla gestione delle posizioni di potere in Italia. E’ evidente che il talento, le capacità operative, la competenza professionale, sono fattori in sé indipendenti rispetto all’età. L’età diviene un fattore decisivo nel momento in cui il merito soccombe di fronte al lobbismo e alle logiche di appartenenza ad un network. Senza contare la totale assenza di democraticità all’interno dei partiti. Questi rilievi emergono analizzando anche la nostra classe dirigente amministrativa, nonchè quella industriale (tanto nel pubblico quanto, meno per la verità, nel privato), dove pure si pone un problema di età e le conoscenze spesso fanno più curriculum che la produttività. Basti pensare ai superpagati manager pubblici, i cui nomi ricompaiono ciclicamente, non sempre accompagnati da risultati di gestione ragguardevoli. E’ di pochi giorni fa la notizia che Blair, all’età di 54 anni e a seguito di due mandati e mezzo, si ritirerà a vita privata. Da noi, che si vincano o si perdano le elezioni, un posto  da occupare o la possibilità di una ricandidatura ci sono sempre. Questo perché essendo la gestione delle cariche nel più dei casi, come detto, meramente clientelare, l’istinto tipico del politico italiano diviene quello dell’autoconservazione e questo fa sì che in Italia la politica sia un mestiere a tutti gli effetti  e che la nostra classe politica sia una casta privilegiata . Ecco così che per poco non ci ritrovavamo persino alla presidenza del Senato, l’on. Andreotti, il quale gode di ottime credenziali: l’ètà, l’aver occupato numerosi incarichi di potere, nonché la mafiosità, che fa sempre curriculum…Cantavano gli Area 30 anni fa, in un pezzo titolato proprio Gerontocrazia:”Col potere delle cose posso avere la tua vita controllata e si chiama libertà”. Quello che noi giovani dobbiamo scongiurare in questo momento storico è proprio l’omogeneizzazione acritica al pensiero dominante dei gerontocrati, perché solo noi abbiamo in mano il potere di un effettivo cambiamento della partecipazione alla vita pubblica. E’ per questo che noi di ParteAttiva ci battiamo per una rivoluzione nella cultura e nei costumi di questo Paese che ponga in primo piano i valori della moralità, della legalità, del senso civico e dell’operosità. E’ per questo che diciamo no al clientelismo, alla corruzione, ad un sistema che ci sta trascinando in un baratro da cui sarà impossibile risalire. Ribelliamoci finchè siamo in tempo.




permalink | inviato da il 21/5/2007 alle 23:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile        giugno